.
Annunci online

  juventus2006 IL BLOG DI FRANCESCA MONTI
 
Diario
 



 


contatore visite sito web


1 agosto 2018

Higuain al Milan, scambio Caldara-Bonucci: una scelta di mercato che non condivido

 Immagine correlata
 

Dopo giorni di conferme e smentite, stand by e accelerazioni si è chiusa oggi, in un caldo pomeriggio d'estate, la maxi trattativa sull'asse Torino-Milano che ha portato alla cessione di Higuain in prestito oneroso al Milan e allo scambio alla pari tra Bonucci e Caldara. 

Se quindici giorni fa con il colpo del secolo chiamato Cristiano Ronaldo la Juventus ha compiuto uno degli acquisti più strepitosi degli ultimi anni che ha fatto felici e reso orgogliosi i tifosi, oggi con la cessione di Higuain, a mio parere, ha commesso un grande sbaglio per diversi motivi. Innanzitutto Higuain in due stagioni alla corte della Vecchia Signora ha messo a segno 55 gol in 105 partite, 40 in campionato, 10 in Champions e 5 in Coppa Italia, contribuendo pesantemente alla conquista degli ultimi due scudetti (vedi meraviglioso gol a San Siro contro l'Inter) e ogni volta che è sceso in campo non si è mai risparmiato, accettando anche di giocare in modo diverso, correndo e sacrificandosi per la squadra. 

Secondo punto, se era necessario vendere un campione per ammortizzare il costo dell'operazione CR7 perchè il sacrificato doveva essere proprio Higuain che invece insieme a Ronaldo e a Dybala avrebbe potuto formare un attacco stellare? 

Infine, perchè cederlo proprio al Milan, obbligando il Pipita ad accettare la destinazione e la soluzione del prestito oneroso, pagandogli addirittura la buonuscita, andando a rafforzare così una diretta concorrente e accettando tutte le richieste dei rossoneri (vedi prestito oneroso, nonchè inserimento nella trattativa di Caldara)? 

Mi dispiace, ma da tifosa juventina non posso che essere delusa da questa decisione, soprattutto dal modo in cui è maturata. Higuain, per il giocatore e l'uomo che è, non meritava questo trattamento così irrispettoso. Grazie Gonzalo per quanto fatto in questi due magnifici anni, sei stato uno dei più grandi attaccanti che ho visto giocare nella Juve e ti auguro tutto il meglio.

Passiamo al capitolo Bonucci-Caldara. Che senso ha riprendere un giocatore che dopo sette anni se ne è andato sbattendo la porta, diventando capitano del Milan, sparlando della sua ex squadra e addirittura sfidando i suoi ex tifosi con il gesto dello sciacquarsi la bocca dopo aver segnato un gol inutile all'Allianz Stadium? E soprattutto che senso ha scambiarlo con Caldara, giocatore di talento di 23 anni, che la Juve ha parcheggiato per due stagioni all'Atalanta per permettergli di crescere e di giocare con continuità? Dopo averlo presentato soltanto pochi giorni fa viene ceduto a titolo definitivo al Milan? Così si costruisce una squadra giovane per il futuro? Ricomprando un difensore di 31 anni che si è offerto lui stesso alla Juve chiedendo di tornare a Torino dopo un solo anno in rossonero? 

Spero che i risultati della Juventus nella prossima stagione diano ragione alla dirigenza bianconera, ma in questo momento questa maxi operazione a me sembra un grosso abbaglio estivo. 

Sarà che quando ho iniziato circa 30 anni fa a seguire la Juventus, il calcio era diverso da quello di oggi in cui contano solo il business, le tv e le plusvalenze a discapito delle bandiere e di quanto fatto dai singoli giocatori in termini di gol e attaccamento alla maglia. Sarà che il calcio cosiddetto romantico era molto più bello, sarà che giocatori come Higuain non si dovrebbero mai mettere in discussione e dovresti tenerli stretti quando hai la fortuna di averli in squadra. Sarà per tutti questi motivi che non capisco e non condivido questa scelta di mercato.    



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. juventus caldara higuain bonucci

permalink | inviato da juventus2006 il 1/8/2018 alle 17:37 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


20 agosto 2017

SERIE A: BUONA LA PRIMA PER LA JUVE

Risultati immagini per mandzukic, dybala, higuain juve-cagliari 2017    Risultati immagini per mandzukic, dybala, higuain juve-cagliari 2017

Buona la prima per la Juventus che inizia il campionato 2017/2018 con una bella vittoria per 3-0 sul Cagliari, con le reti delle tre stelle dell'attacco: Mandzukic, Dybala e Higuain. Prima del fischio d'inizio è stato osservato un minuto di silenzio in ricordo delle vittime dell'attentato di Barcellona. All’Allianz Stadium, i bianconeri si sono subito resi pericolosi con Pjanic che al 2’ ha sfiorato l’incrocio su punizione e sono passati in vantaggio al 12’ con Mandzukic che, sul cross di Lichtsteiner, ha calciato al volo siglando la prima rete bianconera in campionato. Il cagliari ha risposto con un destro rasoterra di Farias respinto da Buffon e poco dopo ha avuto l’occasione di pareggiare sul calcio di rigore concesso da Maresca dopo aver utilizzato il VAR, cioè la moviola in campo, per un contatto nell'area bianconera tra Alex Sandro e Cop. Farias si è incaricato della battuta del penalty ma Buffon ha parato e salvaguardato l’1-0. 

La Juve, dopo un tentativo di Marchisio dal limite fuori di poco, ha messo in cassaforte il risultato andando a segno prima del riposo con Dybala, che su lancio perfetto di Pjanic, ha controllato con il petto e messo la palla sotto l’incrocio, siglando il primo gol in Serie A con la maglia numero 10.  

La ripresa è iniziata ancora con un tiro della Joya che ha sfiorato il tris colpendo la traversa di sinistro. La Juve ha controllato il match senza problemi e ha trovato il terzo gol al 21’ con Higuain che su invito di Alex Sandro ha battuto Cragno con un millimetrico diagonale. Allegri ha quindi richiamato il Pipita in panchina facendo esordire il neo acquisto Matuidi e pochi minuti dopo anche un altro neo arrivato, Douglas Costa, ha debuttato allo Stadium al posto di Cuadrado. Al triplice fischio lo Stadium ha tributato un meritato applauso alla Juve che ha portato a casa i primi tre punti della stagione.



8 febbraio 2017

SERIE A: RECUPERO 18ma GIORNATA ALLE ORE 18 CROTONE-JUVENTUS

Alle ore 18 allo stadio Scida di Crotone scenderanno in campo Crotone e Juventus per disputare il recupero della 18a giornata d’andata di campionato rinviato per la Supercoppa Italiana.
 
L’unico precedente è favorevole alla Juve, i bianconeri si imposero 3-0 con doppietta di Bojinov e gol di Boumsong il 19 settembre 2006 quando la Juve era in serie B.
 
Allegri non avrà a disposizione: Lemina, Mandragora, Marchisio. Nicola non potrà contare sulla presenza di Rohden e dello squalificato Crisetig.
 
Queste le probabili formazioni: 

JUVENTUS (4-2-3-1): Buffon, Alex Sandro, Rugani, Bonucci, Dani Alves, Sturaro, Pjanic, Mandzukic, Dybala, Pjaca, Higuain.
 
CROTONE (4-4-2): Cordiaz, Rosi, Ceccherini, Ferrari, Mesbah, Sampirisi, Capezzi, Barberis, Stoian, Tonev, Falcinelli. 

Arbitrerà l’incontro il signor Valeri di Roma
  
FORZA JUVE!


18 dicembre 2016

SERIE A: IL PIPITA SIGLA LA RETE DELLA VITTORIA CON LA ROMA E REGALA ALLA JUVE DEI RECORD IL TITOLO DI CAMPIONE D'INVERNO

 Risultati immagini per juventus-roma gol higuain

La Juventus, grazie ad una perla di Gonzalo Higuain, ha superato per 1-0 la Roma, diretta sfidante per la vittoria dello scudetto, e si è laureata Campione d'Inverno con due giornate di anticipo. Ma non finisce qui. La squadra bianconera infatti ha inanellato una serie di record in questo 2016: ha conquistato 100 punti in Serie A e 25 vittorie su 25 partite di campionato giocate nell'anno solare allo Juventus Stadium.

Il match con la Roma, come da pronostico, è stato equilibrato, ma la Juve ha messo in campo genio e resistenza. La squadra bianconera ha indossato una maglia speciale con un patch a ricordo di Ale e Ricky nel decennale della loro prematura scomparsa. Le maglie verranno poi messe all'asta per beneficenza.

La prima azione della partita è stata un tiro al volo di Higuain parato da Szczesny al 10'.

Al 14' il Pipita ha portato in vantaggio i bianconeri: dopo aver vinto un contrasto con De Rossi, ha saltato Manolas e ha calciato un sinistro imprendibile mettendo la palla nell'angolino. L'unica conclusione della Roma nel primo tempo è stata un sinistro di Nainggolan sull'esterno della rete.

Nella ripresa Spalletti ha inserito Salah per Gerson e Allegri ha risposto mandando in campo Cuadrado per Pjanic, costretto ad uscire per un fastidio muscolare.

Al 25' Mandzukic ha servito Sturaro che ha calciato a botta sicura, trovando una grande risposta di Szczesny, che ha bloccato in due tempi. Poco prima Allegri aveva cambiato Lichtsteiner con Barzagli, mentre Spalletti ha inserito El Shaarawy al posto di De Rossi.

Nel finale la Roma ha aumentato il ritmo, rendendosi pericolosa con Perotti, ma la Juve è stata brava a resistere al forcing giallorosso e a 15 minuti dal termine Dybala ha rilevato Higuain, salutato dalla standing ovation dello Stadium.

La Joya è subito andato al tiro con un sinistro da lontano, bloccato da Szczesny, che ha sventato anche il tentativo di Sturaro. 

La Juve conquista così una bella vittoria e torna a più sette in classifica proprio sulla Roma e a più nove sul Milan che ha pareggiato in casa con l'Atalanta per 0-0. E adesso la mente è già rivolta alla Supercoppa Italiana che i bianconeri giocheranno a Doha, in Qatar, il 23 dicembre, contro i rossoneri.


4 dicembre 2016

La Juve supera l'Atalanta per 3-1. Prima del fischio d'inizio l'emozionante ricordo dei campioni della Chapecoense, scomparsi nel disastro aereo in Colombia


Dopo la pesante sconfitta di Genova la Juve era alla ricerca del pronto riscatto e contro l'Atalanta non ha tradito le aspettative, vincendo con un rotondo 3-1.

I bianconeri hanno dominato il match, passando in vantaggio al 15' con una sventola di Alex Sandro che ha dedicato la rete ai campioni della Chapecoense, scomparsi nel tragico incidente aereo avvenuto in Colombia e ricordati, prima del fischio d'inizio, con un commovente minuto di silenzio, con la proiezione sul campo di una banda verde, il colore sociale della squadra brasiliana, un mega stemma della società nel settore ospiti e sui maxischermi la scritta #fuerzachape, mentre nella curva Sud uno striscione recitava "Un tifo che va oltre la maglia".

 Risultati immagini per juventus-atalanta gol alex sandro
 
 Risultati immagini per juventus-atalanta gol alex sandro 

 Risultati immagini per juventus-atalanta gol alex sandro

Al 19' è arrivato il raddoppio con un perfetto colpo di testa di Rugani, sul corner di Pjanic. Il centrocampista bianconero poco dopo ha sfiorato il tris su punizione. Al 40' l'Atalanta è andata alla conclusione con Freuler e poi con Gomez ma un grandioso Mandzukic in versione difensore ha respinto entrambi i tiri. 

La ripresa si è aperta con un'occasione per parte. La splendida combinazione di prima tra Khedira, Higuain e Mandzukic è stata fermata all'ultimo dalla difesa bergamasca, mentre il destro di Petagna è stato bloccato da Buffon. Mandzukic, il migliore della partita, dopo aver creato e macinato chilometri, ha trovato anche la rete con un preciso stacco di testa ancora su corner di Pjanic. Alla mezz'ora, dopo un duro contrasto con Gomez, Super Mario ha lasciato il posto a Cuadrado, tra la standing ovation del J Stadium. Poco dopo Allegri ha inserito Evra al posto di Pjanic. L'ultima azione della partita è stata la volée di Freuler, su cross di D'Alessandro, con cui l'Atalanta ha accorciato le distanze. 

La Juve conquista tre importanti punti, mantiene il primo posto in classifica e può ora concentrarsi sull'ultima sfida del girone di qualificazione di Champions contro la Dinamo Zagabria.


3 novembre 2016

CHAMPIONS LEAGUE: LA JUVE FERMATA IN CASA DAL LIONE

 Risultati immagini per juve-lione gol higuain

La Juve pareggia 1-1 in casa con il Lione e deve rimandare la qualificazione matematica agli ottavi di finale di Champions League e lasciare anche il primo posto nel Girone H al Siviglia, che ha superato con un netto 4-0 la Dinamo Zagabria. 

I bianconeri hanno sprecato un'ottima occasione per chiudere il discorso qualificazione, hanno giocato un buon primo tempo e una brutta ripresa, commettendo troppi errori e permettendo ai francesi di pareggiare. 

Dopo dieci minuti dall'inizio del match il Lione si è reso pericoloso con la combinazione tra Rybus e Lacazette, che ha costretto Buffon a una grande parata, nella sua centesima gara in Champions.

La Juve ha risposto con un rasoterra di Mandzukic, bloccato a terra da Lopes. Poco dopo i bianconeri sono passati in vantaggio grazie al rigore trasformato da Higuain e concesso per una spinta in area di Diakhaby su Sturaro.

Intorno alla mezz'ora Marchisio ha sfiorato il gol con una conclusione terminata a fil di palo, mentre al 38' il Pipita si è divorato una ghiotta occasione solo davanti a Lopes mettendo alto. Nel finale di primo tempo il sinistro di Ghezzal è terminato fuori di pochissimo. 

La ripresa è iniziata con la Juve in avanti e con il tiro dal limite di Mandzukic, finito a lato. Allegri ha sostituito Bonucci (per lui risentimento muscolare alla coscia) e Pjanic, con Benatia e Alex Sandro. Genesio ha risposto con l'inserimento di Cornet, che ha sfiorato l'incrocio con una sventola di sinistro. Allegri ha mandato in campo Cuadrado al posto di Higuain. Pochi secondi dopo però, i francesi, che hanno giocato meglio dei bianconeri nel secondo tempo, hanno trovato il pareggio con il colpo di testa di Tolisso, lasciato libero in area sulla punizione di Ghezzal. La Juve non ha trovato le energie per andare all'attacco, anzi ha sfiorato il ko quando Lacazette ha chiuso un contropiede pericoloso con un tiro sull'esterno della rete. 

Un 1-1 finale amaro che sicuramente servirà alla squadra per cercare di non commettere gli stessi erroti nella prossima sfida di Champions con il Siviglia.  



1 novembre 2016

Higuain: "Quella di domani sarà una sfida di grande importanza"

 Risultati immagini per higuain juve

Alla vigilia della sfida di Champions con il Lione, Gonzalo Higuain ha parlato del match in conferenza stampa: "Sappiamo bene che domani sarà una sfida di grande  importanza. Abbiamo bisogno di 3 punti per qualificarci agli ottavi di finale,  dopodichè  potremo  pensare  al  primo  posto nel girone. Probabilmente sarà una partita molto fisica, d’altronde lo è stata anche all’andata. Il Lione verrà qui per fare punti, ma noi dobbiamo affrontare il match con la giusta aggressività. Siamo partiti bene, siamo primi in tutte le competizioni, in Italia e in Europa abbiamo la miglior difesa. Quanto a me, sono soddisfatto: sono arrivato da tre mesi, sto  conoscendo sempre di più i compagni, come loro stanno facendo con me. Il mio obiettivo, giorno per giorno, è crescerecontinuamente. È da sempre il mio approccio al calcio: io lavoro tutta la settimana per migliorarmi, e così stiamo facendo come squadra, abbiamo ancora ampi margini davanti a noi. Anche sabato abbiamo giocato con la giusta intensità, era fondamentale la vittoria per la nostra classifica. Ma adesso pensiamo solo al Lione: la Champions è bellissima, sono felice di avere la possibilità di giocarla da quando ho 18 anni. Come in tutte le competizioni a cui prende parte, la Juve vuole andare fino in fondo: non sarà facile, perché ci sono altri grandi team con i nostri stessi obiettivi, ma noi vogliamo lottare fino alla fine, a cominciare da domani. Con Mandzukic il feeling è ottimo, come con gli altri attaccanti, anche se abbiamo lavorato ancora poco insieme. Ci sentiamo entrambi molto bene e abbiamo la grande voglia di aiutare la nostra squadra. Per questo lavoriamo tutta la settimana: per crescere; la Juve è una società che ti fa progredire  come  calciatore e come persona".



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. champions juve lione higuain

permalink | inviato da juventus2006 il 1/11/2016 alle 20:59 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


30 ottobre 2016

SERIE A: IL PIPITA STENDE IL NAPOLI. LA JUVE VINCE 2-1. L'ALTRA RETE MESSA A SEGNO DA BONUCCI

 Risultati immagini per juventus-napoli gol bonucci e higuain 

 Risultati immagini per juventus-napoli gol bonucci e higuain

Doveva essere una serata speciale per Higuain, che affrontava per la prima volta da avversario la sua ex squadra e così è stato. Il Pipita ha dimostrato di essere un grande campione e non si è lasciato sopraffare dalle emozioni, anzi, ha firmato il gol che ha deciso Juve-Napolie che ha permesso ai bianconeri di portarsi a +7 in classifica sui partenopei. 

In un J Stadium vestito a festa ed esaurito in ogni ordine di posto, il primo tempo ha regalato poche emozioni.

La prima occasione è arrivata intorno alla mezz’ora quando Lichtsteiner ha calciato dal limite ma il suo destro è terminato sopra la traversa. Il Napoli ha risposto con il rasoterra dalla distanza di Allan, bloccato a terra da Buffon. Al 40' Chiellini è stato costretto a lasciare il campo per un problema muscolare e al suo posto è entrato Cuadrado.

Nella ripresa al 5’ la Juve è passata in vantaggio con Bonucci, che approfittando di uno svarione di Ghoulam, ha colpito la palla al volo calciandola con forza in rete. Leo ha dedicato la rete alla sua famiglia. 
Dopo due salvataggi nell’area piccola da parte di Barzagli e Mandzukic, il Napoli ha pareggiato con Callejon, che, pescato da Insigne a due passi da Buffon, lo ha battuto con un preciso diagonale. 
Allegri ha sostituito Pjanic con Marchisio e poco dopo la Juve è andata in rete con Higuain, che dopo una respinta di Ghoulam si è avventato sul pallone e ha messo nell'angolino un rasoterra imprendibile. Il Pipita per rispetto verso la sua ex squadra non ha esultato. I partenopei hanno sfiorato il pari con un tiro dalla distanza di Mertens, quindi Allegri ha inserito Sturaro al posto di  Hernanes. Le ultime due emozioni del match sono state create da un’incornata di Higuain, terminato di poco a lato, e dal colpo di testa di El Kaddouri, alzato sopra la traversa da Mandzukic. 

La Juve conquista così altri tre preziosi punti e può ora concentrarsi sulla prossima sfida di Champions con il Lione.




29 ottobre 2016

SERIE A: ORE 20,45 BIG-MATCH JUVE-NAPOLI

 

Risultati immagini per juve-napoli

Questa sera la Juve scenderà in campo alle 20,45 allo Juventus Stadium nel big-match contro il Napoli. Sarà una partita speciale per Higuain, che affronta per la prima volta da avversario la sua ex squadra.

I precedenti sono favorevoli ai bianconeri con 46 successi, 7 vittorie dei partenopei e 20 pareggi. L'ultima sfida in A tra le due formazioni risale al 13 febbraio 2016, in cui la Juve si è imposta 1-0 con rete di Zaza all'88'.

Allegri non avrà a disposizione Dybala, Mandragora e Pjaca.

Sarri non potrà contare sulla presenza di Albiol, Milik e sullo squalificato Gabbiadini.

Queste le probabili formazioni:

JUVENTUS (3-5-2): Buffon, Barzagli, Bonucci,Chiellini, Lichtsteiner, Khedira, Hernanes, Pjanic, Alex Sandro, Mandzukic, Higuain.

NAPOLI (4-3-3): Reina, Ghoulam, Koulibaly,Maksimovic, Hysaj, Hamsik, Diawara, Allan, Callejon, Mertens, Insigne.

Arbitrerà l’incontro il signor Rocchi di Firenze.

FORZA JUVE! 



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. napoli juve serie a higuain j stadium

permalink | inviato da juventus2006 il 29/10/2016 alle 14:16 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


2 ottobre 2016

SERIE A: La premiata ditta Higuain-Dybala firma la vittoria per 3-0 sull'Empoli

 

La Juve supera l’Empoli per 0-3 con una grande prova di forza e carattere. Dopo un primo tempo in cui i bianconeri sono andati vicini alla rete svariate volte, sono bastati 5 minuti della ripresa perché la premiata ditta Higuain-Dybala confezionasse tre gol, mandando ko i toscani, che fino a quel momento avevano disputato una buona gara.

Al 9' Pjanic ha lanciato Khedira che, libero in area, ha controllato con il petto, si è girato e ha calciato un bolide al volo centrando la traversa. Al 20' Cuadrado si è liberato di Pasqual e ha tirato in porta, trovando la grande risposta di Skorupski.

Al 35' Pjanic con un assist millimetrico ha messo Cuadrado davanti a Skorupski, ma il portiere empolese ha respinto il destro del colombiano.

I toscani hanno risposto con una conclusione di Krunic, alzata sopra la traversa da Buffon, ma sul finire del primo tempo è stata ancora la Juve a sfiorare il vantaggio, con Higuain, che ha saltato Skorupski con un pallonetto meraviglioso, trovando la respinta sulla linea di Cosic.

Nella ripresa, i bianconeri hanno sfiorato la rete al 18' con Higuain, la cui conclusione da due passi è stata respinta dal portiere dell’Empoli, ma al 20' sono finalmente passati in vantaggio: Alex Sandro si è involato sulla sinistra e ha passato palla in area a Dybala, che ha controllato e messo il pallone sotto la traversa. Al 22' è arrivato il raddoppio: Lemina, entrato al posto di Khedira, ha lanciato Higuain, che dal limite ha calciato in porta un sinistro imprendibile che si è infilato nell'angolino. E al 25’ la Juve ha fatto tris: ancora il Pipita ha approfittato di un tocco errato di Zambelli, ha saltato Skorupski e appoggiato in rete.

Qualche minuto più tardi il diagonale di Cuadrado si è spento a lato per pochi centimetri, mentre il tiro di Lemina è stato ribattuto da Skorupski, con il neo entrato Pjaca solo in area.

Nel finale Stefano Sturaro, tornato in campo dopo un lungo infortunio, ha rilevato Pjanic. La Juve, grazie a questo successo, resta saldamente al comando della classifica. Ora c’è la sosta per le Nazionali, si riprenderà sabato 15 ottobre con il match casalingo contro l’Udinese.



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. juve serie a empoli higuain dybala

permalink | inviato da juventus2006 il 2/10/2016 alle 13:29 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

sfoglia     luglio        settembre
 

 rubriche

Diario
Palmares
Francy
Libri

 autore

Ultime cose
Il mio profilo

 link

Cosiparlocaiazza
Wonderful World
Sbandieratori Legnano
Il Popolo Veneto
Zucchero & Farina
Bec Lavelle new studio album
Il Popolo Veneto
SER Caxias do Sul
Divano
Daniele

Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0

Feed ATOM di questo blog Atom